Materiali / Marmi

Grand Antique

Il Grand Antique è il marmo più prestigioso dei Pirenei, coni suoi toni del bianco e nero e le forme geometriche irregolari che creano una netta separazione tra i due colori in una maniera tale da renderlo inimitabile. Il Grand Antique appare come una placca tettonica: comprende calcare nero (la componente nera) e calcite bianca (la componente bianca). Il Grand Antique si è formato grazie a un piegamento dell’area settentrionale dei Pirenei di 65 milioni di anni fa e può essere estratto esclusivamente in quell’area. Per questo motivo è uno dei marmi più unici e rari del mondo. I primi lavori realizzati con il Grand Antique risalgono ai Romani, che chiamavano questo prezioso materiali "Marmor celticum”. È stato utilizzato in alcuni dei più importanti capolavori architettonici di Roma, Costantinopoli e Venezia. Attualmente viene considerato una delle scelte più raffinate ed eleganti per l’interior design.

Grand Antique, la scelta ideale per rendere ogni creazione un capolavoro di eleganza.

Cava

Le trou de l'oubli

Formazione: 65 mln di anni fa

Scoperta: 100 a.c

Coordinate: lat 45.3879, lon 8.9144

La cava Grand Antique veniva chiamata “Le trou de l’oubli” (letteralmente il buco dell’oblio) perché sembrava essere dispersa, quasi invisibile all’occhio umano. La sua difficoltà nel reperirlo l’ha reso così unico che Luigi 14esimo pretese il Grand Antique a ogni costo per la sua reggia di Versailles. Nonostante ciò i suoi uomini non riuscirono a trovare la cava, ma solo qualche pietra qua e là.